CercaMutuo.com

 Tassi Oggi
  • EURIBOR [14/10/2019] 1 Mese -0.47    3 Mesi -0.42    6 Mesi -0.35    1 Anno -0.30   
  • EURIRS [14/10/2019] 5 Anni -0.33   10 Anni -0.04   15 Anni 0.21   20 Anni 0.33   25 Anni 0.37   30 Anni 0.37   

Previsioni tassi mutui

Previsioni Euribor e Eurirs (ultimo aggiornamento 13 settembre 2019)

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso di mantenere invariati i tassi principale di riferimento Bce allo 0,00%.

Si è deciso però di tagliare i tassi di interesse sui depositi portadoli da -0,40% a -0,50%.

Con il tasso sui depositi ultranegativo, in sostanza, le banche pagano per tenere parcheggiata la liquidità presso la Bce. Così facendo, gli istituti di credito sono maggiormente stimolati ad utilizzare tali somme per prestarle a famiglie e imprese (a tassi vantaggiosi) con l’obiettivo di rimettere in moto l’economia.

Mario Draghi ha comunicato che “i tassi resteranno agli attuali livelli o più bassi fino a quando il target di inflazione non avrà stabilmente raggiunto un livello vicino al 2%.”

E viste le stime sull’inflazione diffuse dalla stessa Bce, che prevedono un livello all’1,2% nel 2019, all’1,% nel 2020 e all’1,5% nel 2021, le previsioni dei tassi dei prossimi anni confermano di fatto che rimarranno bassi a lungo.

Buone notizie per chi ha un mutuo a tasso variabile o chi è in procinto di stipulare oggi un mutuo a tasso fisso ai minimi storici.

Tra le altre mosse della Bce, verrà riproposto il Quantitative easing, un’iniezione di liquidità, 20 miliardi di euro al mese, tramite acquisto di titoli di Stato. Dal 1° novembre a tempo indeterminato.

In attesa della rilevazione dei tassi Euribor e dei tassi Eurirs dei prossimi giorni, vedremo se questi si stabilizzeranno dopo aver già scontato un possibile taglio dei tassi o se subiranno significative modifiche.

Gli indici Euribor rimangono saldamente in territorio negativo. I primi giorni del mese di settembre il parametro dei mutui a tasso variabile ha registrato nuovi minimi storici, scontando in anticipo la decisione della Bce di tagliare i tassi di interesse.

I tassi Eurirs, nel mese di agosto, hanno toccato il minimo livello di sempre. In particolare, il 16 agosto, la scadenza decennale dell’Irs ha registrato quota -0,31, quella di durata 15 anni -0,10 e quelle a 20, 25 e 30 anni sono scese rispettivamente a 0,02, 0,06 e 0,07. Oggi un mutuo a tasso fisso si aggira intorno all’1%.

Approfondimenti: Cos’è l’Euribor, come funziona e chi lo decide