CercaMutuo.com

 Tassi Oggi
  • EURIBOR [18/11/2019] 1 Mese -0.46    3 Mesi -0.40    6 Mesi -0.34    1 Anno -0.27   
  • EURIRS [18/11/2019] 5 Anni -0.22   10 Anni 0.08   15 Anni 0.33   20 Anni 0.46   25 Anni 0.50   30 Anni 0.50   

News

Nuovo Euribor, cosa cambierà per i mutui a tasso variabile?

Nuovo Euribor, cosa cambierà per i mutui a tasso variabile?
novembre 03
09:30 2019

Il nuovo Euribor inizierà la sua fase di cambiamento dal 1° gennaio 2020, muovendo i primi passi verso la rivoluzione dei tassi interbancari che interessano milioni di famiglie italiane, ed europee, che stanno pagando un mutuo a tasso variabile.

Come cambierà l’Euribor e cosa succederà ai mutui a tasso variabile?

Il nuovo calcolo dell’Euribor era in programma da diversi anni, ma solo dal 2022 il nuovo indice sarà pronto all’esordio.

Il nuovo Euribor si baserà sugli scambi effettivi avventuti tra le banche, a differenza di oggi che viene ancora fissato sulla base di informazioni private tra un panel di circa 20 banche europee. Il calcolo del nuovo Euribor dunque avrà un sistema più scientifico e sarà meno “manipolabile”. Il motivo principale dell’introduzione del nuovo parametro è stato proprio quello di rendere l’Euribor più trasparente ed evitare una manipolazione come quella avvenuta anni fa che aveva visto coinvolti alcuni istituti di credito.

Più trasparente, ma anche più volatile. Il timore degli esperti, ma soprattutto di coloro che stanno rimborsando un mutuo a tasso variabile agganciato all’indice Euribor, è la sua possibile volatilità. Essendo calcolato sulla base delle transizioni effettivamente scambiate, l’Euribor potrebbe infatti avere degli sbalzi improvvisi e renderebbe il parametro più altalenante.

Nuovo Euribor: quanto potrebbe aumentare la rata di un mutuo a tasso variabile?

Al momento, in questa prima fase di transizione, che durerà due anni, i mutui a tasso variabile manterranno le stesse proiezioni attuali, vale a dire che in base alle previsioni dei tassi e alla politica monetaria della Bce di mantenere i tassi bassi a lungo, le rate di chi ha un mutuo a tasso variabile non dovrebbero subire modifiche, almeno fino a quando l’Euribor rimarrà agli attuali livelli. Vedi i tassi storici Euribor 2019.

A partire dal 2022, con l’inizio della fase definitiva che vedrà nascere l’Euribor con una nuova veste, potrebbero esserci dei cambiamenti, anche importanti. Come abbiamo detto, l’indice potrebbe subire maggiori oscillazioni e pertanto la rata del mutuo, mese per mese, potrebbe variare più frequentemente rispetto a come siamo abituati oggi.

Continueremo ad aggiornare ogni cambiamento e prospettiva futura sul nuovo Euribor, sia su CercaMutuo, sia sul gruppo privato Mutuo Facile.

Condividi

CALCOLA IL TUO MUTUO