CercaMutuo.com

 Tassi Oggi
  • EURIBOR [06/12/2019] 1 Mese -0.46    3 Mesi -0.39    6 Mesi -0.33    1 Anno -0.27   
  • EURIRS [06/12/2019] 5 Anni -0.18   10 Anni 0.12   15 Anni 0.37   20 Anni 0.49   25 Anni 0.53   30 Anni 0.53   

News

Mutuo ristrutturazione: detrazioni e agevolazioni fiscali

Mutuo ristrutturazione: detrazioni e agevolazioni fiscali
febbraio 16
07:58 2019

Le spese di ristrutturazione per gli immobili destinati ad abitazione principale beneficiano di importanti agevolazioni fiscali.

Dal 1986 la detrazione ordinaria Irpef consiste nel recupero del 36% delle spese sostenute fino ad un ammontare complessivo massimo di 48.000 euro per unità immobiliare (articolo 16-bis del Dpr 917/86 Testo unico delle imposte sui redditi).

Il decreto legge n. 83/2012 ha elevato al 50% la percentuale di detrazione e a 96.000 euro l’importo massimo di spesa dei lavori.

La stessa agevolazione è stata successivamente prorogata da provvedimenti successivi fino all’ultima legge di Bilancio 2019 (legge n. 145 del 30 dicembre 2018) che ha confermato anche per quest’anno la possibilità di usufruire della detrazione Irpef pari al 50%.

Pertanto, salvo nuove proroghe, dal 2020 la detrazione fiscale per i lavori di ristrutturazione tornerà ad essere nella misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro.

Sisma Bonus
Le spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche prevedono detrazioni che possono arrivare fino all’85% e possono essere usufruite fino al 31 dicembre 2021.

Detrazioni interessi e agevolazioni fiscali mutuo ristrutturazione

Chi stipula un mutuo per ristrutturare l’abitazione principale può detrarre il 19% degli interessi pagati nel corso dell’anno precedente.

È possibile usufruire contemporaneamente della detrazione degli interessi passivi per il mutuo ipotecario adibito ad abitazione principale e della detrazione del 50% delle spese sostenute per la ristrutturazione dell’immobile.

L’agevolazione non spetta sugli interessi che si riferiscono alla parte di mutuo eccedente l’ammontare delle spese documentate.

Detrazioni Irpef ristrutturazione, cosa succede in caso di vendita dell’immobile?

In caso di vendita dell’immobile sul quale sono stati eseguiti i lavori di ristrutturazione per cui si hanno delle agevolazioni fiscali, il diritto alla detrazione delle quote non ancora utilizzate viene trasferito all’acquirente dell’unità immobiliare, solo se persona fisica e in assenza di specifiche indicazioni nell’atto di compravendita.

Pertanto, se si desiderano mantenere le detrazioni negli anni successivi alla vendita fino al decimo anno come previsto dalla legge, è necessario farlo espressamente indicare nell’atto di compravendita dal notaio.

Anche in caso di immobili ricevuti in eredità, la detrazione non fruita viene trasferita agli eredi per tutto il periodo in cui era prevista la detrazione.

Per approfondimenti, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una guida completa sulle ristrutturazioni edilizie e le relative agevolazioni fiscali 2019.

Devi fare dei lavori in casa? Contatta un Consulente del credito esperto senza impegno per avere tutte le informazioni necessarie ed avere un preventivo di mutuo ristrutturazione.

Condividi