Cessione del quinto, il prestito veloce e conveniente

CercaMutuo
cessione quinto

La cessione del quinto è un prestito personale della durata massima di 10 anni che prevede un rimborso calcolato su una rata pari al quinto del reddito del richiedente.

La cessione del quinto si distingue in due tipologie di finanziamento. Quando a richiederla sono i lavoratori dipendenti, è detta cessione dello stipendio, mentre la cessione del quinto della pensione è il prestito pensato per i pensionati, ovvero chi percepisce un reddito da un ente previdenziale, come ad esempio l’Inps.

Cessione del quinto, caratteristiche

È detta cessione del quinto proprio perché la quota della rata da rimborsare a fronte della restituzione del debito non può superare per legge la somma di un quinto del reddito, vale a dire il 20% della busta paga o della pensione.

La caratteristica principale della cessione del quinto è il modo in cui viene rimborsato il prestito, che avviene con la trattenuta della rata alla fonte. Verrà dunque bloccata una quota del 20% dalla busta paga nel caso dei lavoratori dipendenti e la stessa quota per quanto riguarda la pensione per i pensionati.

Per questo motivo, il rischio di insolvenza da parte del debitore è pressoché annullato in quanto quest’ultimo non dovrà preoccuparsi di provvedere al pagamento mensile, ma sarà l’azienda presso la quale lavora a prendersi cura delle scadenze delle rate, o nel caso della cessione della pensione, sarà in automatico l’ente pensionistico a doversene occupare.

Per il fatto che l’incombenza del pagamento delle rate sia a carico del datore di lavoro, o dell’ente previdenziale, l’istituto di credito che eroga il finanziamento è maggiormente garantito, e in questo modo, la cessione del quinto risulta anche essere più facile da ottenere rispetto ad altre forme di prestito che offrono esclusivamente garanzie personali del richiedente.

La legge stabilisce che la durata massima del contratto della cessione del quinto è di 120 mesi (10 anni), mentre solitamente quella minima è fissata in 24 mesi (2 anni). In ogni caso, la scadenza massima del finanziamento non può superare la conclusione del rapporto di lavoro. Solo i dipendenti pubblici, una volta terminato il percorso lavorativo, possono decidere se trasferire il debito dalla busta paga alla pensione.

Diversi istituti eroganti permettono l’accesso alla cessione del quinto della pensione ai richiedenti che alla scadenza del contratto non abbiano superato i 90 anni di età, anche se varie compagnie assicurative limitano il rischio accettando pensionati che al termine del prestito non superino gli 85 anni.

Grazie a questo limite di età elevato, anche i pensionati over 80 possono accedere a questa tipologia di prestito e ricevere una somma di denaro per far fronte alle proprie necessità, sia per sé stessi sia per un familiare che per mancanza dei requisiti non può presentare domanda per la cessione del quinto.

La legge prevede che al momento dell’erogazione di un prestito tramite cessione del quinto venga anche stipulata un’assicurazione obbligatoria sul rischio di morte e di perdita dell’impiego del richiedente.

Cessione del quinto, requisiti

Possono richiedere la cessione del quinto dello stipendio tutti i lavoratori dipendenti statali e parastatali. Possono inoltre accedere alla cessione anche i lavoratori assunti da imprese private, purché dimostrino di poter garantire l’istituto in termini di solidità e affidabilità. In questo caso l’azienda dovrà avere un certo capitale sociale, un numero di dipendenti al di sopra di una certa soglia e, nel caso in cui l’impresa abbia già avuto dipendenti che hanno ottenuto una cessione del quinto, dovrà essere verificato che il datore di lavoro sia stato regolare nei pagamenti.

La cessione del quinto della pensione è invece indirizzata a chi percepisce un reddito da pensionamento presso un istituti previdenziale, come ad esempio l’Inps, rendendo questa tipologia di prestito più facile ed automatica.

Vantaggi della cessione del quinto

Uno dei principali vantaggi della cessione del quinto è che i tempi di erogazione della liquidità sono piuttosto rapidi.

Un’altra caratteristica che favorisce spesso chi si appresta a richiedere questo tipo di finanziamento è la finalità, che può essere per qualsiasi esigenza e pertanto, in fase di domanda di prestito, non è necessario fornire alcuna giustificazione su quale sia il motivo per cui si richiede una certa somma.

Inoltre, grazie ai tassi di interesse attualmente ai minimi storici, chiedere oggi una cessione del quinto dello stipendio o della pensione può essere molto vantaggioso.

Infine, come abbiamo visto, la garanzia principale per l’istituto di credito è la fonte del reddito, che si tratti dell’azienda presso la quale lavora il dipendente o l’ente pensionistico nel caso dei pensionati, e per questo motivo, anche chi risulta cattivo pagatore, e dunque è stato iscritto al Registro dei protesti oppure è stato segnalato in Centrale rischi, può comunque chiedere ed ottenere senza particolari problemi un prestito tramite cessione del quinto.

Per avere maggiori informazioni su come accedere alla cessione del quinto puoi richiedere un preventivo gratuito ed avere una consulenza personalizzata senza impegno da parte di un esperto.